Translate

martedì 29 gennaio 2013

Crescono i turisti e il turismo. “Siamo” oltre un miliardo. E l'Onu spiega chi va meglio, chi va peggio e perchè

Il turismo cresce su scala globale. Si tratta di un trend consolidato da molto tempo ed è interessante scorrere i dati più recenti resi noti in questi giorni dall'UNWTO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa del settore.


Come previsto nella primavera del 2012, gli arrivi internazionali a fine anno hanno superato la soglia simbolo del miliardo (1 miliardo e 35 milioni per la precisione), con una crescita del 4% sull'anno precedente. E con le economie emergenti che con il loro +4,1% trainato da Asia e Pacifico battono quelle dei Paesi tradizionalmente avanzati (+3,6%).
L'Onu si attende una crescita leggermente più bassa, tra il 3 e il 4%, nel 2013.
«Il turismo è uno dei pilastri che dovrebbero essere sostenuti dai governi di tutto il mondo come elemento cruciale per stimolare la crescita economica» ha affermato Taleb Rifai, che dell'UNWTO è Segretario generale. E Rifai da tempo fa notare che il settore turistico ha un forecast di +3,8% annuo tra il 2010 e il 2020.
Un'analisi più dettagliata mostra che gli arrivi in Europa — che resta il continente più amato dai turisti — sono cresciuti del 3% nel 2012, toccando un totale di 535 milioni. Ossigeno puro per economie come quelle europee, boccheggianti tra stagnazione e recessione.
Il Sud est asiatico, che ha messo in atto politiche di cooperazione regionale e di coordinamento ha segnato un balzo del 9%. All'estremo opposto il Medio Oriente, in calo del 5%, a causa della turbolenta situazione di molti Paesi.
Interessante dare un'occhiata ai mercati di origine, quelli da cui partono i turisti. La parte del leone la fanno le economie emergenti: +42% Cina e + 31% Russia. Ma è significativo notare che mentre le economie di Germania (+3%), Regno Unito (+5%), Usa e Canada (+7%) “rimettono in moto” i loro turisti, quelle di Francia (-7%) e Italia (-2%) non fanno altrettanto. E i motivi sono sotto gli occhi di tutti.
Per approfondimenti, visitare il sito dell'UNWTO.

Nessun commento:

Posta un commento