Translate

venerdì 23 novembre 2012

”Recluso per 86 giorni. La droga? Di un altro”. È la storia di Maurizio Ribotti, un amico protagonista di una vicenda allucinante

Per una volta (non sarà l'ultima) “Compagni di viaggio” va fuori tema. E vi segnala dal Corriere della Sera (riprendendone anche il titolo) la vicenda, terribile ma per fortuna a lieto fine, di Maurizio Ribotti, biellese ormai trapiantato a Milano, imprenditore e manager nel campo della comunicazione e del design.
Con Maurizio, nei nostri anni biellesi, ho lavorato a molti progetti, alcuni realizzati altri rimasti nel cassetto. Il logo con cui “il Biellese” ancora oggi propone il “Club de I Biellesi”, per dire, è opera del suo staff. Negli ultimi anni ci si era persi di vista. Poi questa incredibile vicenda, che avevo seguito attraverso i giornali locali e che oggi vede la definitiva conclusione. Sono davvero contento per Maurizio. Leggete quello che gli è accaduto...

Nessun commento:

Posta un commento